Home

Indice per autori

Indice per argomenti

Biblioteca

Formazione

Contatti


Alberto bagnai goofynomics

Arianna Editrice

a/simmetrie

Associazione Consumatori Piemonte

Byoblu

Claudio borghi

Ilblogdilameduck

Il Corrosivo

Ilpedante

L'aria che tira

Orizzonte48

Piero Visani

Roberto Buffagni
 

 www.europadeipopoli.org

horizontal rule

https://ilcorrosivo.blogspot.com/2018/08/la-piovra-finanziaria.html

lunedì 20 agosto 2018

La piovra finanziaria

Marco Cedolin

Già nel 2008, quando pubblicai "Grandi Opere", dal quale è tratto questo breve passaggio, risultavano più che mai chiari gli intrecci fra gli interessi della famiglia Benetton, il mondo bancario, gli organismi dello Stato, la comunicazione mainstream ed i grandi poteri finanziari. In 10 anni sono forse cambiati i nomi dei fondi d’investimento ed è aumentata la quantità delle partecipazioni, ma la sostanza purtroppo è rimasta inalterata.
Smantellare piovre di questo genere non è certo una cosa facile, ma se non si agisce in questo senso è praticamente impossibile sperare di andare da qualsiasi parte....

“La famiglia Benetton, attraverso la finanziaria “Sintonia”, controlla
il pacchetto di maggioranza di “Autostrade s.p.a.”33, che è al primo
posto fra i costruttori e gestori di autostrade a pedaggio in Europa, ma
al tempo stesso “Autostrade s.p.a.” è fra gli azionisti di riferimento di
IGLI – insieme ai gruppi “Gavio”, “Techint” e “Efibanca” – con una
quota di partecipazione del 20%. IGLI, con quasi il 30% delle azioni, è
l’azionista di maggioranza di “Impregilo”, che risulta fra i principali
soggetti impegnati nella costruzione del TAV. 

Sempre attraverso la
finanziaria di famiglia “Sintonia”, Benetton è fra gli azionisti – insieme
alla famiglia Romiti e al fondo Clessidra – di “Gemina Holding”,
che controlla “Aeroporti di Roma s.p.a. e, ancora per mezzo di “Sintonia”, partecipa con il 24% alla “Sagat s.p.a.”, società che gestisce gli aeroporti di Torino e di Firenze. Benetton, inoltre, attraverso l’altra
finanziaria di famiglia “Edizioni Holding”, partecipa con il 32,71% a
“Eurostazioni s.p.a.” insieme ai gruppi “Pirelli” e “Caltagirone”.
Eurostazioni” con il 40%, insieme alle Ferrovie dello Stato con il 60%,
gestisce “Grandi Stazioni s.p.a.”, che si occupa della gestione e della
riqualificazione delle 16 maggiori stazioni ferroviarie italiane e di 3
importanti scali ferroviari della Repubblica Ceca. Sempre per mezzo
di “Edizioni Holding”, Benetton possiede anche quote del capitale del
gruppo editoriale multimediale RCS.

Il caso della famiglia Benetton ci aiuta a comprendere come il sistema
delle scatole cinesi consenta a interessi apparentemente inconciliabili
fra loro di convivere serenamente all’interno del bengodi legato alle
grandi opere, senza badare alle contraddizioni. “Benetton” è un gruppo
nato nel settore dell’abbigliamento, oggi risulta fra i principali gestori
di autostrade, ma partecipa attivamente anche alla costruzione del
TAV, che – nelle intenzioni di chi ne è promotore – dovrebbe contribuire
a ridurre il traffico autostradale; contemporaneamente, gestisce scali
aeroportuali a fianco dei Fondi di gestione del risparmio e grandi stazioni
ferroviarie in collaborazione con le Ferrovie, che dovrebbero esse-
re il principale “concorrente” della sua attività in ambito autostradale
proprio insieme alle linee aeree; inoltre vanta partecipazioni azionarie
in uno dei principali gruppi editoriali e multimediali italiani, RCS, il cui
“atteggiamento” mediatico non potrà che essere di favore nei confronti
delle grandi infrastrutture autostradali, ferroviarie e aeroportuali.

~ Economia delle grandi opere ~
181
33. Dati ufficiali tratti dal sito del “Gruppo Benetton”.

horizontal rule

https://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=20759https://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=20759

Grandi opere

Le infrastrutture dell’Assurdo

di Maurizio Gasparello - 18/08/2008

Fonte: europadeipopoli

 

 

Questo libro di Marco Cedolin è un ottimo viatico per la formazione di una coscienza correttamente informata sull’attuale virulenta espansione delle cosiddette “grandi opere” su scala planetaria. Dalle grandi dighe alle metropoli galleggianti, passando dai megainceneritori al TAV, il quadro tracciato dall’autore sulla devastazione ambientale globalizzata nel nome del progresso fondato sulla crescita può aiutarci a spazzare via anche qualche radicato luogo comune, a cominciare da quello che il 20% della popolazione mondiale occidentale consuma l’80% delle risorse dell’intero pianeta ed è pertanto la sola responsabile del degrado che sta mettendo a rischio la sopravvivenza dell’uomo sull’intero pianeta: follie come quelle delle 300 isole artificiali di Dubai o della diga cinese delle “Tre Gole” ci avvertono che, come minimo, l’occidente è in cattiva “buona compagnia” e non il solo responsabile di tutti i disastri del pianeta.

Il secondo luogo comune che, grazie al lavoro di Cedolin, possiamo mandare in pensione, è quello che relega il sud del mondo al ruolo di vittima sacrificale del nord economicamente avanzato: nel testo in discorso possiamo infatti trovare una nutrita elencazione di opere costosissime, prime su tutte le grandi dighe, che avranno conseguenze nefaste sugli equilibri ecologici e politici di molti paesi del terzo mondo e che stanno già creando le condizioni per future guerre, con particolare riferimento a quelle per l’acqua. Il sud del mondo, pertanto, è prima di tutto vittima delle sue stesse classi dirigenti, che sono spesso colluse con i poteri occidentali ma in ogni caso responsabili del proprio operato, perché le grandi opere hanno tutte una caratteristica in comune in qualsiasi parte del mondo vengano eseguite: quella di rastrellare e generare grandi movimentazioni di denaro che creano arricchimento per le élites ed impoverimento e degrado ambientale per molti. In questo contesto mi permetto di aggiungere una categoria di grandi opere non inclusa nel lavoro di Cedolin, ossia quella della corsa agli armamenti in generale e alla bomba atomica in particolare, realizzata anche da paesi nei quali grande parte della popolazione vive in condizioni miserabili: paesi che, nonostante questa palese contraddizione, ricevono ingenti risorse a scopi umanitari che finanziano così di fatto la pace sociale ai governi che operano tali politiche guerrafondaie, contribuendo inoltre ad impedire quella crescita politica che, nelle società fortemente diseguali, può avvenire solamente tramite un processo storico di “resa dei conti” tra le popolazioni sottomesse e sfruttate e le loro classi dirigenti.

Le riflessioni indotte dalla lettura di questo bel lavoro di Marco Cedolin ci consigliano pertanto che sarebbe ora di aggiornare l’orologio della storia, cercando finalmente di uscire dal comodo e coccodrillesco piagnisteo sugli eccessi del consumismo nostrano: la ricerca di un placebo esistenziale nello stordimento consumistico è l’unico vero fenomeno multietnico e multiculturale dell’era della globalizzazione, in grado di contagiare anche sistemi sociali con un forte fondamento etico come quello dell’economia e della finanza musulmana (vedi il capitolo “una follia chiamata Dubai”), a testimonianza del fatto che la propensione al delirio di onnipotenza dato dall’eccesso e dallo spreco è una tara etologica dell’essere umano e non una semplice circostanza di tempo e luogo delle società opulente e che, in quanto tale, getta una forte ipoteca sulle possibilità di sopravvivenza della nostra specie sul pianeta.

Conscio di questa realtà, Cedolin non si limita alla stesura di un cahiers de doléance: gli ultimi capitoli sono infatti dedicati alla “psicologia delle grandi opere” e ai “sacerdoti del progresso”, mettendo così a nudo le truffe ideologiche e mediatiche con le quali le grandi opere vengono fatte passare, agli occhi delle popolazioni che prima le finanziano tramite il servaggio fiscale e poi ne sopportano le conseguenze economiche e ambientali, come costruite nell’interesse generale, mentre quello finale, intitolato “l’alternativa della decrescita”, introduce alcuni spunti di riflessione sulla necessità di creare una coscienza politica e morale che possa contrastare la follia dominante della globalizzazione fondata sull’ideologia di una impossibile crescita infinita.

 

Marco Cedolin

 

GRANDI OPERE

Le infrastrutture dell’Assurdo

 

Arianna Editrice