Home

Indice per autori

Indice per argomenti

Biblioteca

Formazione

Contatti


Alberto bagnai goofynomics

Arianna Editrice

a/simmetrie

Associazione Consumatori Piemonte

Byoblu

Claudio borghi

I
lblogdilameduck

Il Corrosivo

Ilpedante

L'aria che tira

O
rizzonte48

Piero Visani

Roberto Buffagni

 Zafferano

 www.europadeipopoli.org

horizontal rule

https://riccardoruggeri.eu/blog/lettera-aperta-agli-italiani-vecchi/

 

LETTERA APERTA AGLI ITALIANI VECCHI

 

Riccardo Ruggeri, 7 marzo 2020

 

La traiettoria della vita di ciascuno di noi, nei secoli dei secoli, si è snodata entrando e uscendo da quattro classificazioni che da sempre si succedono: infanzia, giovinezza, maturità, vecchiaia. Nell’antichità, appena superati i trent’anni già si entrava nella vecchiaia, oggi invece, al tempo del CEO capitalism trionfante, la vecchiaia  in Occidente non gode di buona stampa.

Nell’Antica Grecia c’erano due posizioni politico filosofiche: Atene da una parte, Sparta dall’altra. Atene privilegiava la giovinezza, la forza, la bellezza, come farà poi il Rinascimento, e successivamente il fascismo, il nazismo, lo stalinismo, il maoismo, con le loro adunate oceaniche di giovani atleti. Sparta all’opposto metteva il vecchio in una posizione privilegiata, lo considerava un saggio, un sopravvissuto a tante battaglie della vita. A scuola, da apòta in erba, ho sempre avuto questo dubbio: i disprezzati spartani erano poi così male? Non lo sapremo mai, perché la storia l’hanno scritta gli ateniesi, e l’hanno manipolata a loro vantaggio, mettendo i valori spartani in castigo e i loro nei tabernacoli.

Nel mondo di oggi, il potere, la politica, gli intellettuali, i media, sono tutti ateniesi in purezza, quindi non amici di noi vecchi, facciamocene una ragione. I bollettini di guerra sul COVID 19 hanno smascherato vecchie e nuove ipocrisie. Osservateli, analizzateli. Sono strutturati con una locuzione che riporta i dati sanitari, ma arrivati a quello dei morti, scatta la locuzione “però erano vecchi e con altre gravi patologie”. Alcuni, vergognandosi, a questo punto iniziano una volgare mozione degli affetti verso noi nonni. Loro non lo sanno, ma oltre che birbanti, sono pure pessimi attori, e noi non dei fessacchiotti.

Al di là delle chiacchiere, con l’attuale modello politico, economico, culturale è tornato centrale il principio ateniese: per i vecchi il presente e il futuro non sono più presi in considerazione, in quanto i vecchi sono i primi sfridi della società digitale, oggetti inutili. Il pensiero dei colti del mainstream è questo: i vecchi devono prendere atto che stanno vivendo una fase in cui la vita deve essere strutturata solo per attendere la morte.

Infatti, non avendo il coraggio di usare il termine sognato “eutanasia di stato”, si nascondono dietro il più banale, ma geniale “budget”. Mike Bloomberg, il loro prestigioso rappresentante globalizzato, lo sostiene pure nella sua campagna elettorale per le presidenziali: “Se uno è vecchio e ha pure un carcinoma alla prostata (ohibò, parla di me!) deve essere lasciato al suo destino”. Furbescamente usa una patologia maschile per arruffianarsi le femministe del MeToo, che su di lui hanno infiniti dossier sul suo razzismo e omofobia, ma il messaggio è chiaro.

Cari amici vecchi, ascoltate un “grande vecchio” (titolo che mi spetta di diritto avendo superato gli 85): non date importanza a politici, a intellò, a quelli che senza dirlo, per rispettare i “loro” imbarazzanti “budget”, si augurano una “scrematura” di noi vecchi. Essendo intellettualmente dei pavidi, sanno che il termine “scrematura”, proprio in un’ottica di “budget”, è il termine che meglio connota il loro pensiero profondo, lo pensano, tentano di promuoverlo, ma non osano scriverlo. A questo si sono ridotti. Che tristezza.

Sono certo che alcuni, via via che invecchieranno e prenderanno atto dei disastri fatti con il loro modello, si vergogneranno, e torneranno umani. E voi cari amici vecchi, attenetevi alle dieci regole di igiene, avremo pure avuto da trent’anni a questa parte una tra le peggiori classi dominanti del pianeta, ma abbiamo pure i migliori medici e infermieri. Loro, con voi, con noi, sono gli ultimi spartani. E stasera, alla faccia loro, concedetevi un buon rosso e una scaglia di parmigiano trenta mesi, e brindate alla vita. Presto il COVID 19 passerà, ma i comportamenti osceni di costoro rimarranno scolpiti nella nostra mente e sulla Rete (lei non dimentica neppure una virgola) e dovremo raccontarli ai nostri nipoti, per metterli in guardia.